In questo articolo, vedremo come affrontare e favorire un’adozione consapevole e responsabile con lo scopo di integrare al meglio un cane in famiglia e nell’ecumene umana.

Se possibile, sarà utile informarsi presso esperti e professionisti del settore, che possano indirizzare le scelte sul soggetto adatto, in linea con aspettative, usi, abitudini, gusti e piaceri dei futuri proprietari.
Partiamo con i primi quesiti da affrontare.
• Cucciolo o adulto?
• Maschio o femmina?
• Da allevamento o canile?

ben arrivato

In questo articolo non voglio soffermarmi troppo su giusto o sbagliato, razza o meticcio, quanto sull’essere consapevoli di chi entrerà a far parte della nostra vita per sempre.
Vorrei sensibilizzare il lettore sul porre tantissima attenzione alla fase di pre-adozione di un cane.
Cosa muove una scelta così importante? Affrontiamo insieme alcune riflessioni.

“Mi piacerebbe avere un cane all’interno del nostro gruppo famiglia!”
ben arrivato
Jessica Alberghini con Prince

Perché un cane?
Cosa vorresti fare con lui?
Da chi è composta la famiglia?
Che limiti ti senti nei suoi confronti e cosa non vorresti da lui?
Come vorresti che si comportasse e quando?
Che spazi potrai riservargli?
Quanto tempo potrai dedicargli?
Se la scelta ricade su un soggetto di razza, ne conosco le caratteristiche e i motivi di selezione?
L’allevamento preso in considerazione è serio e riconosciuto? È di qualità e permette a cuccioli e cagna uno sviluppo evolutivo idoneo fino a 80 giorni / 3 mesi o l’allevatore non vede l’ora di “smerciarlo” e lavora sulla quantità con varie razze e più cucciolate possibili all’anno dando in adozione i cuccioli a 40/45 giorni e, se non dovessero bastare – in termini di guadagno – sarebbe disposto a vendere cuccioli provenienti dal famigerato mercato che attinge alle fabbriche di cani all’estero?
Se la scelta ricade su un soggetto meticcio, da dove proviene? È stato trovato in strada, da un privato, viene da un canile, da un rifugio, da staffetta?
E ancora, dove si trova la madre, quanto è rimasto con lei e dove hanno passato i primi giorni di vita insieme? Se lo togliamo dal contesto in cui è cresciuto, sapremo dargli gli strumenti necessari per garantirgli un futuro migliore e più sereno?

È una forte responsabilità togliere un cane dal suo habitat e il minimo sarà offrirgli condizioni di vita migliori e per fare questo occorre conoscere il ventaglio di caratteristiche che contraddistingue questa specie animale dalla nostra e dalle altre.

ben arrivato

Tutta la famiglia concorda ed è pronta ad accogliere un amico a quattro zampe? Ci sono altri cani in famiglia, quindi occorre, a maggior ragione, fare una valutazione per affrontare al meglio l’inserimento da fare del nuovo arrivato e valutare se i membri del gruppo possono creare un nuovo equilibrio o per caratteristiche individuali la convivenza forzata ne comprometterebbe il benessere? Che ruolo ha ogni membro del gruppo familiare formato da umani e cani?

Se come futuri adottanti riusciamo a porci queste domande, a rispondere in modo esaustivo, probabilmente staremo prendendo in considerazione l’adozione in modo consapevole.

Si attivano le ricerche, internet, amici, parenti, canili (consiglio con supporto di colleghi che possano guidare nella scelta) e via!
Strumento utile può essere una consulenza pre-adozione con educatore o istruttore che vi possa accompagnare nella scelta facendo luce sulle innumerevoli possibilità a disposizione e indirizzandovi sul genere di cane che potrebbe essere in linea con i vostri desideri e il vostro stile di vita.

ben arrivatoIn base poi al soggetto e alla famiglia adottante sarà importante preparare la casa per accogliere il nostro amico a quattro zampe: fondamentale sarà organizzare e dedicare spazi e zone confort per il cane in cui potrà riposarsi, rilassarsi e rigenerarsi. Importante sarà anche stabilire in quali spazi e ambienti della casa potrà accedere e in che modo, dove potrà giocare e come interagire o non interagire con i vari componenti della famiglia. Inoltre, sarà basilare definire come gestire ed organizzare beni primari e deiezioni, dove teniamo le risorse alimentari, dove i giochi, dove il cane potrà urinare e defecare per esigenze fisiologiche e come gestire invece quelle comunicative, altrettanto importanti.

Il tutto, per agevolare l’inserimento del cane favorendo l’ambientarsi, per il proprietario e la famiglia accogliente godendosi il nuovo arrivato e iniziando a condividere con lui una nuova vita insieme!

I cani sono un valore aggiunto nella vita di ognuno di noi e una scelta consapevole ne favorisce sempre più l’integrazione in una società sempre meno rurale e sempre più moderna, piena di barriere architettoniche e infrastrutture.

E non ci resta che dirgli: “Ben arrivato! È un onore e un piacere averti nella nostra famiglia!”

Buon proseguimento di vita insieme!

Immagine di copertina: Jack e Carlotta

L’autrice
Jessica Alberghini

Educatore Cinofilo Siua e FICSS
Tutor e Docente Siua
Tecnico di MobilityDog®
Responsabile del settore Acqua SIUA